Piero della Francesca: origini aretine, storia e opere maggiori

Polittico ella Misericordia, dettaglio con autoritratto di Piero della Francesca

Avete mai sentito parlare di Piero della Francesca? Se siete appassionati di arte rinascimentale, il suo nome sicuramente vi suonerà familiare. Ma chi era veramente quest’uomo nascosto dietro pennelli e colori? Perché dovreste interessarvi alla sua storia? Ecco la risposta in poche parole: Piero della Francesca, grande pittore e matematico italiano, è uno dei personaggi più emblematici del Rinascimento. Dai suoi primi passi nel pittoresco borgo di Sansepolcro alle opere più celebri, il suo viaggio artistico è un’avventura affascinante e sorprendente, arricchita da geometrie, teologie, e filosofie complesse. E, in definitiva, chi non ama un bel viaggio? Dunque, continuate a leggere per scoprire di più sulle origini aretine di questo artista rinascimentale.

Piero della Francesca: le origini ad Arezzo

Piero della Francesca, o Piero di Benedetto de’ Franceschi per usare il suo nome completo, nacque a Borgo Sansepolcro, oggi conosciuto come Sansepolcro, tra il 1406 e il 1416. Questo periodo preciso non è noto a causa di un incendio che distrusse gli archivi comunali. Figlio di Benedetto de’ Franceschi, un ricco commerciante di tessuti, e di Romana di Pierino da Monterchi, una nobildonna di famiglia umbra, Piero si distinse sin dalla giovinezza per il suo innato talento artistico.

Formazione Artistica a Sansepolcro

La formazione di Piero ebbe luogo nella sua città natale, Sansepolcro, una cittadina di frontiera culturale in cui si fondevano influenze fiorentine, senesi e umbre. Il contesto culturale locale, caratterizzato da una forte attenzione agli studi e un’alta presenza di professionisti intellettuali, stimolò la sua sensibilità artistica. Nel 1430, Piero collaborò con Antonio di Anghiari, un altro artista locale, per dipingere stendardi e bandiere per il Comune.

Primi Passi nell’Arte a Firenze

Nel 1439, Piero della Francesca è documentato per la prima volta a Firenze, dove probabilmente ebbe luogo la sua vera formazione artistica. Qui, fu citato tra gli assistenti di Domenico Veneziano, lavorando su affreschi nella chiesa di Sant’Egidio. Questa esperienza con Domenico Veneziano, e l’influenza di Masaccio, furono determinanti per la sua carriera artistica.

Piero della Francesca: Le Opere Maggiori

Le opere di Piero della Francesca sono note per la loro complessa geometria e la loro lettura multilivello, che unisce questioni teologiche e filosofiche. Tra le sue opere più famose, il Polittico della Misericordia, commissionato nel 1445 dalla Confraternita della Misericordia di Borgo Sansepolcro, è un’opera che dimostra l’eccezionale abilità artistica di Piero e la sua profonda comprensione della prospettiva.

In definitiva:

Piero della Francesca, con le sue origini aretine e la sua straordinaria carriera artistica, rimane uno dei personaggi più affascinanti del Rinascimento italiano. Le sue opere, ricche di significato e di dettagli intricati, rappresentano un viaggio affascinante attraverso la storia dell’arte. Dopo aver appreso un po’ della sua storia, ci si può solo meravigliare della vastità del suo talento e della sua influenza duratura. E quindi, la prossima volta che vi troverete di fronte a un’opera d’arte rinascimentale, pensate a Piero della Francesca e al viaggio artistico che ha compiuto per portare la bellezza nel mondo.

Tempo di lettura: 2 min.

Per informazioni: